cop_HEY HEY_release-1

La MED FREE ORKESTRA presenta il nuovo brano ‘Hey Hey’ e annuncia una data dal vivo il 14 aprile all’Angelo Mai di Roma

28577369_1734592843228300_8623786940111519744_o

 

‘HEY HEY’, nuovo singolo della caleidoscopica e multietinica MED FREE ORKESTRA.
Cinque Paesi, tre continenti e cinque lingue diverse, la Med Free Orkestra è un ensemble multietnico composta da sedici musicisti provenienti da varie aree del sud del mondo.

Ascolta ‘Hey Hey’ – 

 

‘Hey Hey’ segna il ritorno della MED FREE ORKESTRA, band composta da sedici musicisti provenienti da varie aree geografiche che rappresenta dal 2010

una delle esperienze più interessanti e originali nell’ambito musicale italiano e del bacino del mediterraneo.

Quella della Med Free Orkestra è contaminazione di suoni e ritmi, scaturita dall’incontro delle culture che compongono l’esperienza umana e musicale del gruppo. Ad oggi la Med Free Orckestra ha pubblicato tre album, tra cui l’ultimo ‘Tonnosubito’ uscito nel 2016, e presto riprenderà l’attività live con un nuovo spettacolo e una band rinnovata nella formazione.
Proprio la dimensione live è la preferita della Med Free Orkestra, con un ensemble di fiati potente e un’energica sezione ritmica.

Il 14 aprile la Med Free Orkestra si esibirà per uno speciale show all’Angelo Mai di Roma.
Info live – http://www.angelomai.org/musica/med-free-orkestra/

Formazione Med Free Orkestra:
Agnese valle (Voce e Clarinetto), Marwan Samer (Voce e Oud), Frank Armocida (Voce e percussioni), Daniele Di Pentima (Batteria e Voce), Riccardo Di Fiandra (Basso Elettrico), Valerio Guaraldi (Chitarra elettrica), Alessandro Severa (Fisarmonica), Ismaila Mbaye (Percussioni e Voce), Francesco Fiore (Tromba), Alessio Guzzon (Tromba), Roman Villanueva (Tromba), Andrea Angeloni (Trombone e Basso Tuba), Giorgio Tebaldi (Trombone), Vincenzo Vicaro (Sax e Clarinetto), Leonardo Radicchi (sax) e
 Roberto Lioli (ingegnere del suono).


cop_HEY HEY_release-1

MED FREE ORKESTRA – ‘Hey Hey’
Goodfellas
Disponibile in streaming e download digitale

Il nuovo brano ‘Hey Hey’ è stato scritto da Andrea Rodini, con i testi di Agnese Valle.
Quella di ‘Hey Hey’ è una storia senza connotazioni spazio temporali precise,
potrebbe svolgersi in Texas o in qualunque altro paese che non abbia una storia di mescolanza etnica.

Un ragazzo africano arriva in una provincia abitata solo da bianchi. Un uomo anziano seduto ad un bar urla al ragazzo “hey hey”.
L’uomo è bianco, con dei grandi baffi ed un’ispida barba rossa. E’ seduto al tavolino con il suo boccale di birra gelata davanti.
Il ragazzo, assetato, con lo zaino in spalla, di passaggio per riposare un po’ dal suo lungo
viaggio, è convinto che quello sia un grido di benvenuto e risponde al vecchio.
Inizia così il dialogo dei due a botte di “hey hey”.
Il ragazzo crede che lo stia invitando a bere con lui, ma a quel punto il vecchio gli indica un cane che si abbevera in una pozzanghera
e gli dice che per gente come lui, quello è il posto, che a lui non spetta un boccale di birra ma una pozza d’acqua e che la sua vita da “diverso”,
non sarà semplice ma una continua battaglia per la sopravvivenza.

Info MED FREE ORKESTRA:
. http://www.medfreeorkestra.com/chi-siamo/
. https://twitter.com/MedFreeOrkestra
. https://www.facebook.com/pages/Med-Free-Orkestra/129980107022923
. https://www.youtube.com/channel/UCfD2-wv8wEax8JcHY_iBF7A

Monofonic CD Cover

MONOFONIC ORCHESTRA, ‘Post_Human Folk Music’ – Il ritorno discografico di Maurizio Marsico con il suo alter ego Monfonic Orchestra

monofonicOrchestra

 

Il nuovo album di Maurizio Marsico come MONOFONIC ORCHESTRA, su cd e formato digitale streaming/download dal 30 Marzo per Spittle New e Goodfellas.

Dopo la raccolta ‘The Sunny Side Of The Dark Side’ del 2017, raccolta dedicata ai fumettosi anni ’80 di Maurizio Marsico, l’incatalogabile artista torna su Spittle New con ‘Post_Human Folk Music’, nuovo album a nome Monfonic Orchestra.

Il nuovo album segna il ritorno di Maurizio Marsico dopo 36 anni della sua macchina sonora Monofonic Orchestra – “un brand, o se preferisci l’accezione scozzese, un blend diverso rispetto a Maurizio Marsico”.
Come Monofonic Orchestra Marsico si era trasformato in enigmatica one man band a inizio anni ’80, ultracorpo milanese vagante nel catalogo della bolognese Italian Records.


Guarda il teaser di ‘Post_Human Folk’ – 

 


Ascolta ‘An Eyebrow in Cursed Fair’, primo estratto da ‘Post_Human Folk Music’ di Monofonic Orchestra – 

 

ARTIFICIAL HEAVEN, ARTIFICIAL INTELLIGENCE, ARTIFICIAL MUSIC

In ‘Post_Human Folk Music’ troverete le risonanze e i cromatismi dell’electrofunk pre e post kraftwerkiano, così come la libertà creativa della scuola tedesca e dei kraut-mondi, con la differenza che se nei Can si sente l’influenza di Stockhausen, qui zampettano Berio, Nono, Bussotti e un Ennio Morricone in acido.

La monolitica suite ‘Sticky Metal Tiles’, lunga ben 45 minuti, è stata progettata come colonna sonora dell’installazione omonima del Silvia Massa Studio andata in scena in zona Brera nell’edizione 2017 della Design Week milanese, e poi remixata appositamente per questa versione discografica.
‘An Eyebrow In Cursed Fair’ e ‘Another Eyebrow In Cursed Fair’ sono personalissime riletture/reinterpretazioni di ‘A Rainbow In Curved Air’ di Terry Riley. Metti insieme la partitura e ne esce una dissertazione su naturale/innaturale/ vero/finto. L’uomo e la tecnologia. L’uomo e le scienze umane modificate dalla tecnologia.

L’artista e la tecnologia. Ieri l’uomo macchina robotizzato dei Kraftwerk, oggi le macchine biomeccaniche in pelle umana. O, come dice proprio Maurizio Marsico in un comunicato timbrato Monofonic Orchestra: “Basta demonizzare gli iperconnessi allo smartphone, facciamocene una ragione, sono nuovi esseri umani estesi tecnologicamente”.


Del resto, come disse Quincy Jones: la bella musica è quella che ascoltavamo da bambini mentre la brutta musica è quella che ascoltano i nostri figli.

Monofonic CD Cover
MONOFONIC ORCHESTRA – ‘Post_Human Folk Music’
Dal 30 marzo per Spittle New e Goodfellas
Tracklist:
1) STICKY METAL TILES
2) AN EYEBROW IN CURSED FAIR
3) ANOTHER EYEBROW IN CURSED FAIR


Info Maurizio Marsico e Monofonic Orchestra:
. https://www.youtube.com/channel/UCOg_oCMf6M8jxVb6oR-VPXQ
16_monkeys_copertina

Esce il 23 Dicembre per Goodfellas ’16 Monkeys Armata’, l’esordio crossover-rap-metal più incisivo dell’anno

16 monkey armata 1

 

L’armata delle 16 scimmie è partita da Bari e dopo anni passati a sbattersi nell’underground è giunta all’esordio. ’16 Monkeys Armata’ uscirà il 23 dicembre per Goodfellas Records.

Guarda il video di ‘Next Level’ – 

 

“Dall’alto di quegli alberi che ci proteggono da sempre li vediamo avvicinarsi. Hanno bruciato tutto e i pochi sopravvissuti non si sono piegati. Vogliono prendersi le nostre sorti, e possedere le nostre menti.
Noi che abbiamo aspettato nel silenzio ora abbiamo la musica e lei sarà la nostra arma.
L’urlo del Metal, la rabbia del Synth, il Rap che diffonde il verbo, la rivoluzione delle scimmie e’ un suono primordiale nel caos della giungla urbana di ora”.

Il rapcore dei 16 Monkeys Armata è un atto di rivoluzione. Quello dei 16 Monkeys Armata è un mix potente e aggressivo di rap, hip-hop, drumm&bass, dubstep, new-metal, hardcore, breakbeat e tekno.

I membri della 16 Monkeys Armata sono Moreno Scimmiotto/Lo Scimmiotto aka Monkey, rapper e fondatore del progetto, Ciro Disturbass, producer affermato della nuova scena rave italica e fondatore della Dafne Records, e Anansi, amante delle sonorità estreme e figura chiave del mix aggro-metal dell’Armata.

16 è il numero del cambiamento e rappresenta l’abbandono delle sovrastrutture che la società impone all’uomo. 
La scimmia rappresenta l’esigenza compulsiva di creare, definendo “scimmiato” colui che ha un bisogno compulsivo di fare arte. L’Armata è l’immagine della lotta esistenziale per la rinascita dell’umanità.

I potenti video della 16 Monkeys Armata sono nati in collaborazione con Produzioni Gummo – Movies from Jungle. Oltre a quello di ‘Next Level’ la band ha realizzato due video per i brani ‘Intro – 16 Monkey Armata’ e ‘Zero Negativo':

. ‘Intro – 16 Monkeys Armata’ –

 

16_monkeys_copertina

16 MONKEYS ARMATA – ’16 Monkeys Armata’
Goodfellas Records
Tracklist:

  1. Intro / 02. Zero Negativo / 03. Per Quanto Mi Riguarda
  2. Terra Bruciata  / 05. Ironstep / 06. Come Puoi Vedere
  3. Le Rocher / 08. Next Level

 

16 Monkeys Armata info :
. https://www.facebook.com/16monkarmata
. https://twitter.com/16monkeysarmata
. https://www.instagram.com/16_monkeys_armata/
. https://www.youtube.com/channel/UCXkaX4oxWMyDp7wA4tBCBtg

 

revolutionrock

STEADYROCKERZ ALL STARS, ‘Revolution Rockerz – A PunkyReggae Tribute to The Clash’ – Tributo italiano ai Clash in chiave punk, reggae e dub. Dal 9 febbraio per Goodfellas

SteadyRockers7

 

Il progetto Steadyrockerz All Stars è nato nel 2015 dall’incontro di musicisti provenienti
da importanti realtà indipendenti romane come come Radici Nel Cemento, Skasso e Veeblefetzer.
Gli Steadyrockerz All Stars hanno iniziato a suonare insieme con l’obiettivo di esibirsi dal vivo e riproporre nuove versioni dei classici dei Clash, dal punk al reggae.

Ascolta ‘Revolution Rock’ e la sua controparte dub ‘Revolution Dub’ estratte da ‘Revolution Rockerz – A PunkyReggae Tribute to The Clash’ degli Steadyrockerz All Stars:

. ‘Revolution Rock’ – 


. ‘Revolution Reggae’ –

 

‘A PunkyReggae Tribute to The Clash’ è un doppio album contentente 20 rielaborazioni in chiave rock,
punk, reggae, dub e strumentale dei classici della band di Joe Strummer.
‘Revolution Rock’, ‘One More Time’, Guns of Brixton’, ‘I Fought The Law’, ‘Bankrobber’, ‘Police On My Back’, ‘Should I Stay Or Should I Go’ e ‘Lost in the Supermarket’ sono solo alcune delle perle dei Clash presenti in ‘A PunkyReggae Tribute to The Clash’.

L’album è stato registrato al Formadonda studio di Roma, da Bruno Avramo, che ne ha poi curato anche il mix. ‘Dub of Brixton’ è stata mixata da Neil Perch degli Zion Train. 

Dal vivo, oltre a tutti i brani del disco lo spettacolo prosegue con altri classici di artisti del mondo in levare, per un autentico “Punky Reggae Party”.

L’album sarà presentato il 4 febbraio presso il Sally Brown di Roma. L’artwork della copertina di ‘Revolution Rock’ è stato curato dal celebre illustratore Osvaldo Casanova.



revolutionrock
STEADYROCKERZ ALL STARS
‘REVOLUTION ROCKERZ – A PunkyReggae Tribute to The Clash’
dal 9 febbraio per Goodfellas
tracklist:
CD1
1. REVOLUTION ROCK / 2. ONE MORE TIME / 3. GUNS OF BRIXTON
4. I FOUGHT THE LAW / 5. BANKROBBER / 6. POLICE ON MY BACK
7. ARMAGIDEON TIME / 8. SHOULD I STAY OR SHOULD I GO
9. LOST IN THE SUPERMARKET / 10. PRESSURE DROP

CD2
1. REVOLUTION DUB / 2. DUB MORE TIME / 3. ARMAGIDEON DUB
4. SHOULD I STAY OR SHOULD I DUB / 5. DUB IN THE SUPERMARKET
6. GUITAR ON MY BACK / 7. DUB OF BRIXTON / 8. DUB ROBBER
9. ONE MORE TIME T-Bone version / 10. FUNK IN THE SUPERMARKET

Info Steadyrockerz All Stars:
. https://www.facebook.com/SteadyRockerz-All-Stars-317386941795225/
. https://www.instagram.com/steadyrockerzallstars/

I musicisti coninvolti nel progetto Steadyrockerz All Stars sono Giulio Ferrante, Mauro Gregori, Stefano Gambardella, Michele Fortunato, Sandro Travarelli, Domenico De Simone, Stefano Cecchi, Amos Vigna, David D’Assuntino, Angelo Morrone, Matteo D’alessio e Valerio Cottarelli.
‘REVOLUTION ROCKERZ – a Punky Reggae tribute to the Clash’ ovvero 10 canzoni e 10 versioni, dal repertorio dei Clash, riarrangiate e risuonate conservando il suono ruvido di schitarrate distorte per mescolarlo con le varie sonoritá del mondo in levare, che sia reggae, ska, rocksteady o dub…

Il magico ed esplosivo incontro tra questi due generi accadde nei sobborghi di Londra a metá anni ’70 e gli interpreti che iniziarono per primi a sperimentare questo nuovo suono furono i Clash che lo introdussero collaborando con artisti giamaicani come Mickey Dread. 
Il reggae e il punk erano due musiche diverse ma l’anima che le esprimeva simile. 

Rifiuto totale della societá e conseguente spirito ribelle sono contenuti comuni a queste due culture nate dal basso, espressione della gente che con pochi mezzi e molte difficoltá non si arrende e si mette in gioco, con la dignitá e la schiettezza popolare che rendono la loro comunicazione immediata ed efficace, nei contenuti come nella musica.

Brusco_lagrandebellezza1

BRUSCO, ‘La Grande Bellezza’ – Nuovo video e singolo di Brusco all’insegna dell’ecologia e salvaguardia delle specie animali in via d’estinzione

‘La Grande Bellezza’, nuovo video e singolo di Brusco all’insegna dell’ecologia. L’ultimo album di Brusco ‘Guacamole’ è uscito per Goodfellas.

Guarda il video de ‘La Grande Bellezza’ – 


Giovanni Miraldi, Brusco, ha girato in prima persona il video de ‘La Grande Bellezza’ durante un viaggio in Canada, nelle regioni della Columbia Britannica, l’Alberta, il Saskatchewan e il Manitoba.

“Ringrazio per la partecipazione grizzly, orche, alci e tutte le creature viventi che ignare, sono finite in questo video senza neanche dover firmare una liberatoria… – parola di Brusco stesso – Mi sento un po uno sfruttatore per questo. Mi giustifico sperando che la grande bellezza di questi posti e degli animali che li abitano, possa convincere il pubblico del valore inestimabile che la natura rappresenta”.

Ascolta da Spotify ‘Guacamole’, ultimo album di Brusco – 

Info Brusco:
. www.brusco.net
. www.facebook.com/Brusco.official

risacca cd cover 1440 - los 3 saltos

Los3saltos, ‘Risacca’ – Dal 19 gennaio per Goodfellas la “misticanza” dei Los3saltos a base di cumbia, murga, power-folk, cantautorato selvaggio e sonido sud-europeo

los3saltos_bandsmall2
Los3saltos (Los Tres Saltos), ovvero “misticanza” a base di cumbia, murga, power-folk,cantautorato selvaggio e sonido sud-europeo. Bombo, congas, guiro e la tradizione ritmica cumbiera sono i protagonisti del sound di ‘Risacca’,  il manifesto della nuova direzione musicale all’insegna di murga, cumbia e folk punk intrapresa dai Los3saltos.
‘Risacca’ è il cocktail dei Los3saltos composto da 4 parti di cumbia, 2 di murga e 1 di patchanka.

Guarda il video di ‘Stupid Cumbia’ primo estratto dal nuovo album dei Los3saltos – 

 
La nuova direzione cumbiera dei Los3saltos è testimoniata dalla partecipazione al progetto Istituto Italiano di Cumbia,
orchestrato da Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti e La Tempesta Dischi.
Il brano ‘Cumbia 3’ era presente anche all’interno di ‘Istituto Italiano di Cumbia Vol.1’
e parte dei Los3saltos si esibisce dal vivo negli spettacoli dell’Istituto Italiano di Cumbia All Stars.

Guarda il video di ‘Cumbia 3’ – 

 



Il 15 dicembre i Los3saltos presenteranno i brani di ‘Risacca’ al CSOA Spartaco di Roma,

con la partecipazione come special guest dell’Istituto Italiano di Cumbia All Stars:


. Los3saltos + special guest: Istituto Italiano di Cumbia All Stars

venerdì 15 dicembre – Roma, CSOA Spartaco
Info concerto:
http://bit.ly/2zgaLVm

Info live Tommy Gun Productions –
https://www.facebook.com/gunsofroma/

risacca cd cover 1440 - los 3 saltos
Los3saltos – ‘Risacca’
dal 19 gennaio per Goodfellas
tracklist:
01. Stupid Cumbia / 02. Cumbia 3 / 03. El Trabajador
04. Lacci / 05. Ipa Apa Opa! Pils / 06 Temperanza
07. La Murga Nuova / 08. Antropical


Info Los3saltos:
. https://www.facebook.com/pg/Los3saltos
. https://www.instagram.com/Los3saltos/
. https://soundcloud.com/Los3saltos

I Los3saltos sono tra i protagonisti della nuova cumbia “italiana” e ‘Risacca’ il manifesto di questo movimento. La band è nata nel 2011 a Roma dal collettivo di murga Los Adoquines de Spartaco e comprende Claudio (Bombo), Fran (Rullante & Percussioni), Sofia (congas, guiro), Gabriele (Basso elettrico), Alessandra (Tastiere e Synth), Eleonora (Voce & Cori) e Claudia (Voce e Chitarra).

La murga argentina e la cumbia colombiana sono un mix esplosivo di danza, canto, ritmi afro-latini e testi dalla spiccata vena satirica contro il potere. Il sound dei nuovi Los3saltos nasce dall’amore e dalla conoscenza dei ritmi e degli strumenti tipici della cumbia classica e contemporanea, ma anche da altri stili: la batteria “scomposta” tra il rullante e il bombo, ovvero la grancassa con piattino tipica della murga accompagnati da guiro e congas, immancabili nella cumbia colombiana; l’attitudine al ballo e al movimento come possibilità concreta di liberazione dalle “catene” della vita terrestre; la mescolanza di generi musicali di stampo sud-americano, ma non solo vista anche la presenza di influenze provenienti dal folk europeo. Il groove dei Los3saltos è pura “misticanza” sonora alla romana condita da cumbia, murga, power-folk meticcio, cantautorato selvaggio e sonido sud-europeo.

I L3S hanno alle spalle un Ep omonimo e un Lp d’esordio uscito nell’ottobre del 2015, l’omonimo “S3S”. Il nuovo ‘RISACCA’ è come un’onda che si infrange sulle granitiche scogliere del mediterraneo o sulle spiagge tropicali del Sud-America, travolge e stravolge trascinando via con sé tutto ciò che incontra e spezza le catene della monotonia dei generi.
‘Risacca’ è stato registrato durante il 2017 con la voglia di intraprendere un nuovo percorso musicale. Per la produzione del disco la band si è avvalsa anche dei consigli e della collaborazione di Davide Toffolo, deus ex machina dell’imprescindibile progetto ‘Istituto Italiano di Cumbia Vol. 1’ – https://www.facebook.com/istitutodicumbia/ .

‘Risacca’ uscirà il 19 gennaio 2018 per Goodfellas, 8 brani di contaminazione musicale dal sud del mondo:
. Stupid Cumbia: la traccia che apre l’album è una cumbia d.o.c. influenzata dai tipici canti del caribe colombiano caratterizzati da domanda del singolo e risposta del coro. Nel testo si esprime in maniera goliardica la difficoltà tipica del nostro tempo nell’esternare i propri reali sentimenti.
. Cumbia 3: la hit chiamata a far parte della prima compilation dell’Istituto Italiano di Cumbia si ispira alle sonorità della cumbia villera argentina con synth acidi e ritmi ossessivi.”Cumbia senza frontiere, cumbia senza patria, senza re. Senza fretta e senza paura, senza infamia e senza eroi, dove si dice che “Balliamo al nostro futuro, La Cumbia e la libertà.” 
. El Trabajador: nell’estate del 2012 i lavoratori di Cinecittà Studios hanno scioperato per 83 giorni per difendere il proprio posto di lavoro e contro la cementificazione degli studios. Durante quei mesi di sostegno attivo alla lotta delle maestranze, il gruppo compone “El trabajador”, un vero e proprio inno cumbiero in difesa degli “operai” della cultura. 
. Lacci: il racconto della fine o del nuovo inizio di una storia d’amore, si snoda su un intreccio musicale di salsa, guaguancò e tumbao. La modalità di scrittura del testo riprende le suggestioni di grandi cantautori attuali italiani come ad esempio Daniele Silvestri. 
. Ipa Apa Opa! Pils: nell’espressione più pura del concetto di “liberazione” dalle fatiche lavorative quotidiane, Ipa Apa Opa! Pils è un inno alla birra schietto e potente che cavalca un ritmo power-balkan incalzante e danzereccio.
. Antropical: è un viaggio introspettivo musicale che investiga ritmi afro-latini e melodie che guardano alla musica progressive. Il riff iniziale si ispira liberamente a Sueño en Paraguay un brano del dj-producer argentino Chancha Via Circuito. 
. Temperanza: la canzone è uno studio sulla ritmica della murga uruguayana, in particolare sui ritmi del candombe e lo stile marcha camiòn. Eseguita con la tipica triada delle percussioni uruguayane rullante, surdo e piatti, racconta la storia del superamento di una grave malattia.
. La Murga Nuova: nel classico stile della murga porteña, ovvero quella di Buenos Aires, il gruppo nella traccia si lascia ispirare dalle melodie del cantautorato argentino e della musica popolare sud americana. La parte recitata è affidata ad uno dei più grandi maestri di murga argentina viventi, Coco Romero.

Copertina_andrealabanca

ANDREA LABANCA, ‘Per Non Tornare’ – Ironia e testi mai banali per il nuovo album di Andrea Labanca, disponibile dal 26 gennaio per Goodfellas / Ascolta il primo estratto ‘Bretton Woods’

In arrivo a fine gennaio il nuovo album di Andrea Labanca, giovane cantautore capace di coniugare testi ironici e mai banali con un suono caratterizzato dalla tradizione milanese di Jannacci e Gaber e dalle produzione contemporanee.

 

23915917_1702783499773890_110486165608365728_n

 


‘Per Non Tornare’ è stato arrangiato e prodotto da Gianluca De Rubertis.

Ascolta ‘Bretton Woods’, primo estratto dal nuovo album di Andrea Labanca – 

 


 

‘Per Non Tornare’ album teaser – 

 

 

‘Per non Tornare’ è un progetto cresciuto nell’inconscio di Andrea – 
“Le parole chiave per spiegare il significato di ‘Per Non Tornare’ sono rivoluzione e partenza.  Rivoluzione come spostamento che porta ad un nuovo punto di vista, partenza come movimento lineare in cui ci si muove da un punto ad un altro per fare un viaggio”.

Il nuovo lavoro di Andrea Labanca racconta le storie di vari personaggi, capitoli che parlano di amore, viaggi, rivoluzioni, disastri e felicità, in cui si balla, si ride e ci si dispera.

Andrea Labanca è già on the road per presentare i brani del nuovo album per ‘Per Non Tornare’ e i classici della sua discografia. Da non perdere la tre giorni a Milano per fare un aperitivo pre-natalizio con Andrea Labanca e le sua canzoni.
Andrea Labanca live:
. 8 dicembre – Genova, Giardini Luzzati – www.giardiniluzzati.it
. 9 dicembre – La Spezia, Osteria Baccus – www.facebook.com/Bacchus-410104375747945
. 20, 22 e 23 dicembre – Milano, Labanca Market Shop / presso Il Taglio – www.taglio.me
. 27 dicembre – Seregno (MB), Tambourine – www.tambourine.it

Info live: http://www.andrealabanca.it

Copertina_andrealabancaAndrea Labanca – ‘Per Non Tornare’
dal 26 gennaio per Goodfellas
Tracklist:
01. Bretton Woods / 02. Ardo / 03. Per Non Tornare
04. Dance Dance Dance / 05. Lago di Costanza / 06. Alba
07. Buio / 08. Guerra / 09. Facciamo l’Amore

Info Andrea Labanca:
. http://www.andrealabanca.it/
. https://www.facebook.com/andrealabancaofficial/
. https://www.instagram.com/andrealabancaofficial/
. https://twitter.com/andrealabanca

Andrea Labanca è un fuoriclasse, uno dei più interessanti cantautori italiani usciti negli ultimi anni. Dopo l’ottimo esordio ‘I Pesci Ci Osservano’ e a quattro anni dal secondo lavoro ‘Carrozzeria Lacan’, è finalmente in arrivo il nuovo disco ‘Per Non Tornare’, disponibile per Goodfellas su cd e in formato digitale dal 26 gennaio 2018.

Andrea è cresciuto tra la fine degli anni ‘70 e gli anni ’90 nella periferia est di Milano e si è laureato in Filosofia della Scienza con una tesi su Albert Einstein dal pragmatico titolo “Tempo e simultaneità: una definizione”.
Il primo mini ‘I Pesci Ci Osservano’ (2005) contava cinque pezzi chitarra, voce e synth, registrato con l’ausilio di una strumentazione elettronica. Segue il fondamentale incontro con il chitarrista e autore meneghino Paolo Ciarchi, da cui nasce lo stile che contraddistingue ancora oggi la canzone di Andrea Labanca. Nel 2009 esce una nuova versione dei ‘I Pesci Ci Osservano’: stavolta sono dieci brani a raccontare l’ineffabile senso di perdita e irrequietezza del passaggio da un’epoca all’altra. Andrea inizia a suonare da vivo ovunque in Italia e all’estero, da Parigi a San Francisco.

Nel 2011 arriva il lavoro come compositore per la pièce di Aldo Nove ‘Maria’ e inizia a suonare con la Fisheye Band. Con i nuovi compagni di viaggio finirà di comporre il materiale di ‘Carrozzeria Lacan’, disco che vanta la produzione artistica e l’inizio di una proficua collaborazione con Gianluca De Rubertis. L’album è una risposta alla domanda: “Cosa fare nel caso tu abbia perso tutto e nessuno te lo aveva detto? Dieci risposte non pratiche.” Nell’Ottobre del 2013 Andrea viene invitato a presentare l’album all’Ariston di Sanremo durante la serata finale del Premio Tenco, ricevendo un buon successo di critica.
Nel 2015 Andrea Labanca parte per lo SPAGHETTI COUCHSURFING TOUR, trenta date live sui divani di tutta Europa in cambio un piatto di pasta e un bicchiere di vino.

Per il nuovo album ‘Per Non Tornare’ si rinnova il sodalizio artistico con Gianluca De Rubertis e Andrea come un moderno Pirandello scrive 9 storie e disegna i profili dei suoi nuovi personaggi, tutti accomunati dalla propensione al cambiamento e al movimento, rivoluzione e partenza:

. Bretton Woods
“E’ la canzone nata per prima dell’album ed è dedicata ad un’amica nel cui locale iniziai ad esibirmi di fianco a Vincenzo Costantino Cinasky, Vinicio Capossela e molti altri artisti della scena milanese . Profondamente ispirata da Tondelli è una dedica sincera ad una persona troppo fragile”.

. Ardo
“Ardo è nata all’alba dopo un concerto in Salento, rimasto solo e un po’ brillo a vedere nascere il sole sul tetto di una masseria quella canzone credo racconti la profonda solitudine di cui siamo tutti vittime e l’annaspare con cui ne cerchiamo di uscire”.

. Per Non Tornare
“Una storia d’amore che si consuma in un villaggio turistico, non ci sono momenti epici o luoghi fiabeschi sola la ricerca di un attimo di calore o forse addirittura di svago. Un commesso musicista alla sera e una segretaria, avevano entrambi delle vacanze arretrate da dover spendere e un pacchetto turistico low cost faceva al caso loro. Tutto qui. Poi lei pensa che forse si sta cercando di perdere e che forse vorrebbe scrivere un noir”.

. Dance Dance Dance
“DDD evidentemente ispirata al libro di Murakami è la storia di una qualcuno che non vuole fare pace né con la quotidianità, nè con la realtà”.

. Lago di Costanza
“Scritta in una notte durante il tour nell’omonima città tedesca piena di leggende e miti, penso sia la paura di vedere morire la nostra parte giovanile più pura per lasciare emergere una nuova persona”.

. Alba
“Mi piaceva molto la rima scialba/alba e l’idea che qualcuno rivoluzioni il mondo per sentire qualcosa di vero accadere sulla propria pelle. La storia di alcune giovanissime partigiane si è incrociata con le storie delle combattenti curde”. 

. Buio
“È una riflessione dedicata ad una amica che si sentiva e forse lo era, troppo pura. Passati i nove anni nessuno è più ingenuo diceva Dolstoyevsky, ecco perché Ora il Buio Siamo Noi”.

. Guerra
“Guerra è una canzone che ho riscritto un paio di volte a distanza di dieci anni, nella prima versione aveva un andamento molto folk e giocavo sull’intimità della frase Hai ancora voglia di guerra. Dopo molti anni la canzone ha cambiato testo e arrangiamento mantenendo praticamente solo quella frase ma inserita in un contesto di grandezza ben differente”.

. Facciamo l’Amore
“Una canzone intima e sociale nello stesso tempo, in cui sentivo davvero stretto il campo di critica delineato da social network e dai media. La scelta nel brano è quella di fregarsene del surplus informativo lavorando su sé stessi e sul proprio buon umore”.

‘Per Non Tornare’ di Andrea Labanca uscirà il 26 gennaio per Goodfellas

Sergio_Cammariere_cofanetto_copertina

Sergio Cammarriere, ‘L’artista, la vita, la storia’ – Box set di 5 CD

Sergio Cammarriere, ‘L’artista, la vita, la storia’, box set di 5 CD.
In un cofanetto esclusivo i primi 4 album del celebre artista calabrese, apprezzato pianista jazz ed originale cantastorie. Oltre agli album – ‘Dalla pace del mare lontano’, ‘Sul sentiero’, ‘Il pane il vino e la visione’ e ‘Carovane’ – è presente un quinto disco – ‘Tutto quello che un uomo’ – contenete cinque brani estratti dalla raccolta Cantautore Piccolino, originariamente pubblicato nel 2008.
Ascolta ‘Dalla pace del mare lontano’, esordio di Sergio Cammariere –
Nato a Crotone nel 1960, il cantautore – cugino del compianto Rino Gaetano – si è progressivamente imposto come una delle voci più originali del nostro panorama, toccando il suo vertice di polarità nel 2003 con la partecipazione al Festival di Sanremo. Con il brano Tutto quello che un uomo – testo di Roberto Kunstler – si posiziona al terzo posto della rassegna raccogliendo inoltre il Premio della Critica e quello di “Migliore Composizione Musicale”, per non parlare poi dei due Dischi di Platino.
Questo Boxset fotografa in maniera impeccabile il suo cammino, attraverso i primissimi sforzi artistici e la successiva affermazione sul territorio nazionale.
Info: http://www.viavenetojazz.it/latest-releases/item/169-vvj-119-sergio-cammariere-l-artista-la-vita-la-storia 
Romagna-mia

#BOOM DI “ROMAGNA MIA” IN SPAGNA IN RADIO GRAZIE ALLA VERSIONE DEI Kachupa E Tonino Carotone.

#BOOM DI “ROMAGNA MIA” IN SPAGNA IN RADIO GRAZIE ALLA VERSIONE DEI Kachupa E Tonino Carotone.
Il video della versione in spagnolo del classico di Secondo Casadei, registrato e suonato da Kachupa in collaborazione con Tonino Carotone, è stato girato a Faenza in Romagna.
“Romaña Mia” è il risultato del progetto Romagna Mia 2.0, un’opera di traduzione e distribuzione all’estero realizzata da Materiali Musicali, con il supporto del MiBACT e SIAE, nell’ambito dell’iniziativa #Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura. Distribuzione fisica e digitale in Spagna e in tutto il Mondo con #Goodfellas e Karonte e con La Cupula Music!

 

 

Info: http://meiweb.it/2017/11/09/e-online-il-video-di-romana-mia-versione-in-spagnolo-del-classico-di-secondo-casadei-registrato-e-suonato-da-kachupa-in-collaborazione-con-tonino-carotone/

 

the_hand_logo_small

THE HAND, ‘Three is a Crowd’ – Album d’esordio dal 17 novembre per Goodfellas Records / Guarda il video di ‘The Commissioner’, primo estratto da ‘Three is a Crowd’ dei The Hand

‘Three is a Crowd’, album d’esordio dei The HAND sarà disponibile su cd, vinile e in digitale dal 17 novembre per Goodfellas Records. I The Hand sono un trio romano composto da Emiliano Tortora, Fabrizio Mazzuccato e Sandro Di Canio. ‘Three is a Crowd’ è un album di citazioni colte e ispirazione, nato dalla voglia di riscoprire il glam di Bowie e T-Rex, il post punk elettronico dei Suicide e quello acido dei Teardrop Explodes, il kraut di Neu! e Kraftwerk,   il wall of sound di Spacemen 3 e Jesus & Mary Chain, le armonie distorte di Stone Roses, Inspiral Carpets e Primal Scream e la wave elettronica di Fad Gadget e New Order.
Plug your ears: here comes The Hand!

 

The_Hand_fotosmall
I The Hand il 16 novembre presenteranno ‘Three is a Crowd’ al Wishlist Club di Roma.
Per info: https://www.facebook.com/WishlistClub/

Guarda il video di ‘The Commissioner’, primo estratto da ‘Three is a Crowd’ dei The Hand – 

 

 

The_Hand_three_is_a_crowd
The Hand – ‘Three is a Crowd’
dal 17 novembre per Goodfellas Records
tracklist:
1. Lust is love / 2. Perceive / 3. Holy War
4. Screw My Head / 5. Devil’s eyes / 6. The Commissioner
7. Lower / 8. Home / 9. Vodkatronic
 

Info The Hand:
. www.thehandbandroma.wix.com/home
. www.facebook.com/TheHandOfficial/
. www.soundcloud.com/the-hand-1
. https://twitter.com/thehand_band

 

 

I The Hand sono un trio romano nato nel 2014 per mano di Emiliano Tortora (synth, drum machine e voce), membro dei gloriosi Mat 101, Fabrizio Mazzuccato (chitarre e voce), già con i Black Circus Tarantula, e Sandro Di Canio (chitarre e voce). Dopo un omonimo 7′ pubblicato nel 2015 ed esaurito nel giro di pochi mesi la band ha iniziato a lavorare sul nuovo album e ad esibirsi dal vivo. ‘Three is a Crowd’, album d’esordio dei The Hand è in arrivo il 17 novembre per Goodfellas Records, anticipato dal singolo ‘The Commissioner’.

Quello dei The Hand non è di certo il classico progetto indie-rock ispirato dalle mode del momento, dietro al monicker “della mano” si muovono tre musicisti cresciuti ascoltando psichedelia rumorosa, ritmiche percussive, chitarre fragorose e synth distorti. Il loro primo album è stato registrato in 18 mesi in diversi studi: l’atelier di un noto artista contemporaneo, gli studi di Radio Rai e il Green Mountain Audio. Ad oggi il trio si è esibito dal vivo ovunque nella capitale e fatto da special guest per le date italiane di un tour dei californiani Crocodiles, oltre ad avere aperto per artisti del calibro di Swervedriver, Wire e Giobia ed essere stati inclusi nel bill della prima edizione del Rome Psych Fest. Sono gia stati chiamati a suonare per il mitico show di mezzanotte di Radio 1 ‘Stereonotte’, oltre ad avere incenerito le frequenze della romana Radio Rock con un’esibizione potentissima.

Ora non resta che aspettare il 17 novembre per l’esordio dei The Hand, ‘Three is a Crowd.